NOTIFICA FALLIMENTARE: E’ VALIDA LA NOTIFICA COMPIUTA ALL’INDIRIZZO P.E.C. DELLA SOCIETA’ GIA’ CANCELLATA.

Con l’ordinanza 10 ottobre 2017 nr. 23728, la Sesta Sezione Civile della Corte di Cassazione si è espressa in tema di notificazione degli atti nella procedura dichiarativa del fallimento di una società già cancellata dal registro delle imprese al momento della proposizione dell’istanza.

Gli Ermellini hanno accolto i motivi del ricorso con cui si è sostenuta l’illegittimità della notifica compiuta presso la residenza del liquidatore della società cancellata. Tale modalità – effettuata ai sensi degli artt. 138 e ss. e 145 c.c. – non è permessa nell’ambito della procedura fallimentare, trovando applicazione esclusivamente l’art. 15 L.F. Quest’ultimo, consentendo la notifica tramite l’indirizzo P.E.C. comunicato al registro delle imprese, tutela il diritto di difesa dell’imprenditore e lo coniuga con le esigenze “di celerità e speditezza cui deve essere improntato il procedimento concorsuale”. Tale ratio ha portata generale in tema di fallimento, sicché opera anche nei confronti della società già cancellata che, in virtù della deroga alla regola della perdita di capacità processuale per mezzo della cancellazione – prevista dall’art. 10 L.F. – è assimilabile ad una società attiva.

Potrebbe anche interessarti…

MODELLI DI UTILITÀ: TUTELARE UN’INNOVAZIONE RELATIVA AD UN PRODOTTO GIÀ ESISTENTE SUL MERCATO

MODELLI DI UTILITÀ: TUTELARE UN’INNOVAZIONE RELATIVA AD UN PRODOTTO GIÀ ESISTENTE SUL MERCATO

L’obiettivo dei modelli di utilità è quello di proteggere le nuove invenzioni tecniche, in particolare quando esse introducono una maggiore utilità o facilità d’uso per un prodotto già presente sul mercato. Si tratta di una forma di protezione simile a quella garantita ai brevetti per invenzioni industriali, ma con alcune sostanziali differenze. Il modello di

Pubblicato
MUTUO E USURA SOPRAVVENUTA: LA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE N. 24675/2017

MUTUO E USURA SOPRAVVENUTA: LA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE N. 24675/2017

Esprimendosi a Sezioni Unite, il Supremo Collegio è ritornato sul tema di usura sopravvenuta. Il caso: Una S.r.l. citava in giudizio la propria Banca, adducendo che il tasso di interesse definito dal contratto di mutuo intercorso fra le parti e stipulato nel 1990 fosse diventato usurario poiché superiore alla nuova soglia definita dal meccanismo di

RITO SOMMARIO PER LIQUIDARE GLI ONORARI DEGLI AVVOCATI

RITO SOMMARIO PER LIQUIDARE GLI ONORARI DEGLI AVVOCATI

Con la sentenza n. 12847/2017 la Corte di Cassazione ha aderito all’orientamento per cui, in caso di liquidazione degli onorari degli avvocati in materia giudiziale, è possibile ricorrere con il rito di cui all’art. 14 del D.lgs n. 150/2011, non solo nell’ipotesi in cui la domanda sia limitata al quantum, ma anche quando riguardi l’an