SOCIETÀ DI AVVOCATI: ULTIMI INTERVENTI LEGISLATIVI

Con la legge di Bilancio 2018 (L. del 27 dicembre 2017, n. 205) sono state introdotte alcune modifiche alla L. 247/2012, la quale aveva previsto la possibilità per gli avvocati di esercitare – a determinate condizioni – la professione in forma societaria.

La novità legislativa, confermando che i “soci avvocati” (pena lo scioglimento della società) devono costituire almeno i due terzi del capitale sociale e che è vietata la partecipazione societaria mediante fiduciarie o trust (l’inosservanza implica l’esclusione del socio), introduce l’obbligo di specificare la dicitura “società tra avvocati” nella denominazione sociale.

Inoltre, si prevede l’applicazione della maggiorazione percentuale ex art. 11 L. 576/1980 (corrispondente al 4%) su tutti i corrispettivi rientranti nel volume d’affari IVA e il conseguente versamento di tale somma alla Cassa Forense.

Potrebbe anche interessarti…

MUTUO E USURA SOPRAVVENUTA: LA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE N. 24675/2017

MUTUO E USURA SOPRAVVENUTA: LA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE N. 24675/2017

Esprimendosi a Sezioni Unite, il Supremo Collegio è ritornato sul tema di usura sopravvenuta. Il caso: Una S.r.l. citava in giudizio la propria Banca, adducendo che il tasso di interesse definito dal contratto di mutuo intercorso fra le parti e stipulato nel 1990 fosse diventato usurario poiché superiore alla nuova soglia definita dal meccanismo di

Corte di Giustizia: le linee guida per le domande di pronuncia pregiudiziale

Corte di Giustizia: le linee guida per le domande di pronuncia pregiudiziale

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea (abbreviato “CGUE” o semplicemente “Corte”) ha emesso una serie di Raccomandazioni, pubblicate sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea 2016/C 439/01 in data 25/11/2016, al fine di rammentare le caratteristiche essenziali del procedimento pregiudiziale e a fornire ai giudici che adiscono la Corte in via pregiudiziale tutte le indicazioni pratiche necessarie

NOTIFICA FALLIMENTARE: E’ VALIDA LA NOTIFICA COMPIUTA ALL’INDIRIZZO P.E.C. DELLA SOCIETA’ GIA’ CANCELLATA.

NOTIFICA FALLIMENTARE: E’ VALIDA LA NOTIFICA COMPIUTA ALL’INDIRIZZO P.E.C. DELLA SOCIETA’ GIA’ CANCELLATA.

Con l’ordinanza 10 ottobre 2017 nr. 23728, la Sesta Sezione Civile della Corte di Cassazione si è espressa in tema di notificazione degli atti nella procedura dichiarativa del fallimento di una società già cancellata dal registro delle imprese al momento della proposizione dell’istanza. Gli Ermellini hanno accolto i motivi del ricorso con cui si è