SOCIETÀ DI AVVOCATI: ULTIMI INTERVENTI LEGISLATIVI

Con la legge di Bilancio 2018 (L. del 27 dicembre 2017, n. 205) sono state introdotte alcune modifiche alla L. 247/2012, la quale aveva previsto la possibilità per gli avvocati di esercitare – a determinate condizioni – la professione in forma societaria.

La novità legislativa, confermando che i “soci avvocati” (pena lo scioglimento della società) devono costituire almeno i due terzi del capitale sociale e che è vietata la partecipazione societaria mediante fiduciarie o trust (l’inosservanza implica l’esclusione del socio), introduce l’obbligo di specificare la dicitura “società tra avvocati” nella denominazione sociale.

Inoltre, si prevede l’applicazione della maggiorazione percentuale ex art. 11 L. 576/1980 (corrispondente al 4%) su tutti i corrispettivi rientranti nel volume d’affari IVA e il conseguente versamento di tale somma alla Cassa Forense.

Potrebbe anche interessarti…

NUOVE REGOLE EUROPEE SULLA DOPPIA IMPOSIZIONE FISCALE –  DIRETTIVA UE N. 1852/2017

NUOVE REGOLE EUROPEE SULLA DOPPIA IMPOSIZIONE FISCALE – DIRETTIVA UE N. 1852/2017

Con la Direttiva UE n. 1852/2017 (pubblicata in Gazzetta Ufficiale UE L.265 del 14 ottobre 2017) l’Unione Europea introduce nuove regole in materia di risoluzione delle controversie in caso di doppia imposizione fiscale nei Paesi membri. L’UE offre una soluzione chiara: viene prevista una procedura unitaria con l’obiettivo di superare qualsivoglia distorsione, derivante dalle differenti

MODELLI DI UTILITÀ: TUTELARE UN’INNOVAZIONE RELATIVA AD UN PRODOTTO GIÀ ESISTENTE SUL MERCATO

MODELLI DI UTILITÀ: TUTELARE UN’INNOVAZIONE RELATIVA AD UN PRODOTTO GIÀ ESISTENTE SUL MERCATO

L’obiettivo dei modelli di utilità è quello di proteggere le nuove invenzioni tecniche, in particolare quando esse introducono una maggiore utilità o facilità d’uso per un prodotto già presente sul mercato. Si tratta di una forma di protezione simile a quella garantita ai brevetti per invenzioni industriali, ma con alcune sostanziali differenze. Il modello di

Pubblicato
MUTUO E USURA SOPRAVVENUTA: LA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE N. 24675/2017

MUTUO E USURA SOPRAVVENUTA: LA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE N. 24675/2017

Esprimendosi a Sezioni Unite, il Supremo Collegio è ritornato sul tema di usura sopravvenuta. Il caso: Una S.r.l. citava in giudizio la propria Banca, adducendo che il tasso di interesse definito dal contratto di mutuo intercorso fra le parti e stipulato nel 1990 fosse diventato usurario poiché superiore alla nuova soglia definita dal meccanismo di