RITO SOMMARIO PER LIQUIDARE GLI ONORARI DEGLI AVVOCATI

Con la sentenza n. 12847/2017 la Corte di Cassazione ha aderito all’orientamento per cui, in caso di liquidazione degli onorari degli avvocati in materia giudiziale, è possibile ricorrere con il rito di cui all’art. 14 del D.lgs n. 150/2011, non solo nell’ipotesi in cui la domanda sia limitata al quantum, ma anche quando riguardi l’an della pretesa.

La soluzione offerta dalla Suprema Corte pare lineare, corretta e ragionata: si supera in questo modo il precedente orientamento giurisprudenziale per cui, qualora l’oggetto della controversia riguardasse l’an della pretesa, sarebbe stato necessario agire – esclusivamente – tramite rito ordinario.

Da segnalare, infine, che la questione resta aperta: infatti la stessa Cassazione con la successiva ordinanza n. 13272/2017, rilevando un contrasto giurisprudenziale sul tema, ha sottoposto la questione al Presidente circa la possibilità di investire le Sezioni Unite che – ad oggi – non si sono ancora pronunciate.

Potrebbe anche interessarti…

SOCIETÀ DI AVVOCATI: ULTIMI INTERVENTI LEGISLATIVI

SOCIETÀ DI AVVOCATI: ULTIMI INTERVENTI LEGISLATIVI

Con la legge di Bilancio 2018 (L. del 27 dicembre 2017, n. 205) sono state introdotte alcune modifiche alla L. 247/2012, la quale aveva previsto la possibilità per gli avvocati di esercitare – a determinate condizioni – la professione in forma societaria. La novità legislativa, confermando che i “soci avvocati” (pena lo scioglimento della società)

Pubblicato
NUOVE REGOLE EUROPEE SULLA DOPPIA IMPOSIZIONE FISCALE –  DIRETTIVA UE N. 1852/2017

NUOVE REGOLE EUROPEE SULLA DOPPIA IMPOSIZIONE FISCALE – DIRETTIVA UE N. 1852/2017

Con la Direttiva UE n. 1852/2017 (pubblicata in Gazzetta Ufficiale UE L.265 del 14 ottobre 2017) l’Unione Europea introduce nuove regole in materia di risoluzione delle controversie in caso di doppia imposizione fiscale nei Paesi membri. L’UE offre una soluzione chiara: viene prevista una procedura unitaria con l’obiettivo di superare qualsivoglia distorsione, derivante dalle differenti

NOTIFICA FALLIMENTARE: E’ VALIDA LA NOTIFICA COMPIUTA ALL’INDIRIZZO P.E.C. DELLA SOCIETA’ GIA’ CANCELLATA.

NOTIFICA FALLIMENTARE: E’ VALIDA LA NOTIFICA COMPIUTA ALL’INDIRIZZO P.E.C. DELLA SOCIETA’ GIA’ CANCELLATA.

Con l’ordinanza 10 ottobre 2017 nr. 23728, la Sesta Sezione Civile della Corte di Cassazione si è espressa in tema di notificazione degli atti nella procedura dichiarativa del fallimento di una società già cancellata dal registro delle imprese al momento della proposizione dell’istanza. Gli Ermellini hanno accolto i motivi del ricorso con cui si è