NUOVE REGOLE EUROPEE SULLA DOPPIA IMPOSIZIONE FISCALE – DIRETTIVA UE N. 1852/2017

Con la Direttiva UE n. 1852/2017 (pubblicata in Gazzetta Ufficiale UE L.265 del 14 ottobre 2017) l’Unione Europea introduce nuove regole in materia di risoluzione delle controversie in caso di doppia imposizione fiscale nei Paesi membri.

L’UE offre una soluzione chiara: viene prevista una procedura unitaria con l’obiettivo di superare qualsivoglia distorsione, derivante dalle differenti disposizioni (o interpretazioni di queste) contenute negli accordi e nelle convenzioni fiscali bilaterali.

La Direttiva dovrà essere recepita dagli Stati membri entro il 30 giugno 2019; secondo molti fiscalisti, tale provvedimento limiterà un contenzioso che ha già raggiunto una quota pari a 10,5 miliardi di Euro.

Seppur permangono alcune criticità, è da riconoscere che il provvedimento incontra le esigenze delle imprese in materia fiscale.

Potrebbe anche interessarti…

NOTIFICA FALLIMENTARE: E’ VALIDA LA NOTIFICA COMPIUTA ALL’INDIRIZZO P.E.C. DELLA SOCIETA’ GIA’ CANCELLATA.

NOTIFICA FALLIMENTARE: E’ VALIDA LA NOTIFICA COMPIUTA ALL’INDIRIZZO P.E.C. DELLA SOCIETA’ GIA’ CANCELLATA.

Con l’ordinanza 10 ottobre 2017 nr. 23728, la Sesta Sezione Civile della Corte di Cassazione si è espressa in tema di notificazione degli atti nella procedura dichiarativa del fallimento di una società già cancellata dal registro delle imprese al momento della proposizione dell’istanza. Gli Ermellini hanno accolto i motivi del ricorso con cui si è

RITO SOMMARIO PER LIQUIDARE GLI ONORARI DEGLI AVVOCATI

RITO SOMMARIO PER LIQUIDARE GLI ONORARI DEGLI AVVOCATI

Con la sentenza n. 12847/2017 la Corte di Cassazione ha aderito all’orientamento per cui, in caso di liquidazione degli onorari degli avvocati in materia giudiziale, è possibile ricorrere con il rito di cui all’art. 14 del D.lgs n. 150/2011, non solo nell’ipotesi in cui la domanda sia limitata al quantum, ma anche quando riguardi l’an

MUTUO E USURA SOPRAVVENUTA: LA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE N. 24675/2017

MUTUO E USURA SOPRAVVENUTA: LA SENTENZA DELLE SEZIONI UNITE N. 24675/2017

Esprimendosi a Sezioni Unite, il Supremo Collegio è ritornato sul tema di usura sopravvenuta. Il caso: Una S.r.l. citava in giudizio la propria Banca, adducendo che il tasso di interesse definito dal contratto di mutuo intercorso fra le parti e stipulato nel 1990 fosse diventato usurario poiché superiore alla nuova soglia definita dal meccanismo di